Aggiornato il 29-09-2014 alle 23.47
Ritorna alla pagina iniziale
Cultura, svago e tempo libero !


Home
Primo Piano
Cultura e spettacoli
Sport
News
TURISMO e TERRITORIO
- Visitare Maglie
- Manifestazioni: sagre, fiere e riti religiosi
- Storia di Maglie
- Tradizioni magliesi
- Altre informazioni

ASSOCIAZIONI
- Pro Loco UNPLI Maglie
- FRATRES Maglie
- LILT delegazione di Maglie
- Associazione Politico Culturale "Biblioteca di Sarajevo"
- Altre

LINK MAGLIESI
- Comune di Maglie
- USD A. Toma Maglie
- Museo Civico di Paleontologia e Paletnologia di Maglie
- Circolo Tennis Maglie
- AUSL LE Azienda Unità Sanitaria Locale di Lecce

VIVI
- Sagre, Fiere e Riti religiosi
- Sfondi: Maglie sul tuo desktop
- Webcam. uno sguardo su Maglie (servizio sperimentale non sempre attivo)
- Bioritmi: calcola il tuo bioritmo

Google
Cerca con Google

Scrivi a viviMaglie: vivimaglie@cliomg.it

E' vietata qualsiasi riproduzione anche parziale del contenuto delle pagine del portale viviMaglie. Tutti i diritti sono riservati. Leggi le note.

In applicazione della legge n. 62 del 07.03.2001, si indica quanto segue: Il presente sito viene aggiornato ad intervalli irregolari.

viviMaglie non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile del loro contenuto





Home->Storia e tradizioni->Le tradizioni->La festa patronale di San Nicola a Maglie (9 maggio)

La festa di S. Nicola, patrono della città di Maglie (9 maggio)

È San Nicola il patrono di Maglie ab immemorabili, i cui festeggiamenti si svolgono il 9 maggio, ricorrenza della traslazione delle reliquie del Santo, ad opera di alcuni marinai baresi, da Mira a Bari (1087).

Il culto per il vescovo di Mira, pur non avendo radici nella tradizione occidentale, tra il IX e il XII secolo si radicò nella fede delle popolazioni della Terra d’Otranto. Ne è prova il fatto che San Nicola è tra i patroni più ricorrenti nella provincia di Lecce.

Alla diffusione del suo culto contribuì non poco la tradizione derivante dalla religiosità popolare che attribuisce a San Nicola particolari poteri miracolosi. A lui si rivolgono in particolare le zitelle per trovare marito: “Santu Nicola meu se nu me mariti, paternosci de mie nu nne spittare” (San Nicola se non mi fai sposare non ti attendere da me paternostri). Secondo la tradizione San Nicola risponde: “Santu Nicola se ota e dice: quando troi la sorte saccitela pijare” (San Nicola si volta e dice: quando trovi la fortuna, sappila prendere). Questa invocazione fa riferimento ad un episodio leggendario della vita del Santo.


S. Nicola


Si racconta che egli per allontanare tre giovani sorelle dalla prostituzione, a cui erano state avviate dal padre, gettò di nascosto, nella loro casa, dalla finestra, tre sacchetti pieni d’oro per la dote. Le ragazze poterono sposarsi e vivere onestamente. Così si esprime Dante nel XX Canto del Purgatorio, quando fa parlare Ugo Capeto “…della larghezza che fece Niccolao alle pulcelle, per condurre ad onor lor giovinezza”. In questo modo si spiega, iconograficamente, la presenza dei tre sacchetti d’oro nella mano sinistra del Santo.



La festa patronale si svolge in tre giorni: l’8 maggio, vigilia, è caratterizzato dalla solenne processione per le vie della Città con il simulacro del Santo Patrono preceduto dalle statue della Madonna delle Grazie e di Sant’Oronzo, comprotettori; il 9 maggio, giorno della festa, si celebra la S. Messa solenne in onore di San Nicola e nella piazza della Città si susseguono diversi concerti bandistici che attirano l’attenzione di numerosi appassionati dell’intero Salento, mentre al termine della giornata fuochi pirotecnici danno colore alla notte; il 10 maggio, giorno del ringraziamento, mentre continua la visita al simulacro del Santo, in Piazza Aldo Moro cittadini e ospiti sono accolti dalla musica leggera e da intrattenimenti vari.


Il video della Processione
(no audio - durata 1'30"):
ADSL
56K

<< torna indietro